Progetti 2019-2020 dei Detective del Clima

Argomento del progetto: Incendi selvaggi

Titolo del progetto: Un'indagine sulle alluvioni improvvise e gli incendi selvaggi nell'Attica occidentale

Squadra: Esploratori di alluvioni e incendi  Progetto premiato con il massimo dei voti

2019-2020   Centro di formazione internazionale della Scuola Moraitis   Atene   Grecia   6 Età dello studente: 14-15


Sintesi del progetto

Gli incendi selvaggi possono contribuire in modo significativo all'aumento delle inondazioni improvvise, spesso causate da forti temporali. Abbiamo studiato questo fenomeno nell'area dell'Attica occidentale, vicino ad Atene, concentrandoci su due casi: 1) La recente alluvione lampo a Kineta del 25/11/19, in relazione all'incendio selvaggio sul Monte Geraneia dell'anno precedente (il 23/7/18 - lo stesso giorno del terribile incendio di Mati) 2) L'alluvione mortale a Mandra del 15/11/17, in relazione a diversi incendi selvaggi sul Monte Pateras negli anni precedenti. Abbiamo esaminato i cambiamenti del microclima prima e dopo gli incendi e le alluvioni, le anomalie del clima locale negli ultimi 40 anni e le condizioni meteorologiche locali nei giorni delle tempeste. Ci siamo basati sui dati di osservazione remota del satellite Copernicus forniti dall'ESA, sul Climate Data Store-ERA 5 explorer e sui dati climatici locali forniti dall'HNMS (Hellenic National Meteorological Service). La deforestazione √® un grave problema ambientale. La probabilit√† di inondazioni aumenta con la deforestazione e la relativa erosione del suolo. La deforestazione √® spesso il risultato di incendi selvaggi. Negli ultimi anni, gli incendi hanno avuto gravi conseguenze sulla biodiversit√† in tutto il mondo (Amazzonia, Siberia, Alaska, Australia). In questa indagine abbiamo studiato il legame tra gli incendi e le successive inondazioni improvvise nell'Attica occidentale, vicino ad Atene, in Grecia. Uno dei fenomeni del cambiamento climatico √® l'aumento delle condizioni meteorologiche estreme, come il verificarsi di lunghi periodi di siccit√† seguiti da forti precipitazioni. L'aria pi√Ļ calda nell'atmosfera pu√≤ trattenere pi√Ļ acqua e questo aumenta il potenziale di alluvioni improvvise. Queste sono spesso intensificate da forti tempeste locali e dalla mancanza di pianificazione urbana. Gli impatti immediati di inondazioni e incendi comprendono la perdita di vite umane e animali, danni alle propriet√†, degrado delle risorse naturali, distruzione dei raccolti, mancato funzionamento delle infrastrutture. Tutto ci√≤ pu√≤ avere gravi ripercussioni economiche, sociali e psicologiche.

Risultati principali

I nostri risultati si riferiscono alle FIG 1-9, da cui si possono trarre conclusioni. L'incendio del 23/7/18 sul monte Geraneia, sopra Kineta, ha bruciato 60.000 acri, 53.000 dei quali erano aree forestali. La distruzione della foresta ha giocato un ruolo chiave nell'episodio di alluvione di un anno dopo, nel novembre 2019, poich√© l'acqua che √® arrivata con slancio dalle montagne non √® stata trattenuta dalla vegetazione e ha spazzato via molti alberi bruciati. Nella FIG 1-2, si confronta la vegetazione prima e dopo l'incendio utilizzando l'NDVI (Normalized Difference Vegetation Index) in https://apps.sentinel-hub.com/eo-browser. Analogamente, nella FIG 3-4, si confronta l'umidit√† del suolo utilizzando l'indice di umidit√†. Da queste figure emerge chiaramente che prima degli incendi la vegetazione era pi√Ļ intensa e il suolo pi√Ļ umido. Abbiamo poi esaminato le anomalie del clima locale negli ultimi 40 anni utilizzando il sito https://cds.climate.copernicus.eu/apps/c3s/app-era5-explorer. Nella FIG 5, l'anomalia delle precipitazioni annuali per gli anni 1979-2019 √® mostrata in percentuale rispetto al periodo di riferimento 1981-2010. Nella FIG 6, l'anomalia della temperatura annuale √® mostrata sotto forma di strisce di riscaldamento. Utilizzando questi grafici, abbiamo calcolato che negli ultimi 20 anni c'√® stato un aumento medio annuo delle precipitazioni di +14% e un aumento della temperatura di +0,5¬įC. I parametri meteorologici nei giorni delle due alluvioni sono stati esaminati utilizzando i dati della vicina stazione meteorologica di Eleusi, gentilmente forniti dall'HNMS (Hellenic National Meteorological Service). Nella FIG 7, l'alluvione di Kineta ha coinciso con il record massimo di 31 mm di pioggia. Come si vede nella FIG 8, invece, le precipitazioni registrate durante l'alluvione di Mandra sono scarse. Ci√≤ indica che l'alluvione ha avuto un carattere particolarmente locale. L'estrema rapidit√† della tempesta √® mostrata nella FIG 9, dove il tasso di precipitazioni supera i 100 mm/ora.

Azioni per ridurre il problema

L'Attica ha subito due gravi catastrofi negli ultimi anni. L'incendio di Mati nel 2018 e l'alluvione lampo di Mandra nel 2017 hanno causato 129 vittime, tra cui bambini. I danni ambientali provocati dagli incendi sono spesso legati a un maggior rischio di alluvioni. Gli incendi su larga scala alterano drasticamente il terreno e le condizioni del suolo. Normalmente, la vegetazione assorbe le precipitazioni, riducendo il deflusso, mentre gli incendi selvaggi lasciano il terreno carbonizzato, brullo e incapace di assorbire l'acqua, creando condizioni favorevoli a inondazioni improvvise e colate di fango. Il rischio di alluvione rimane significativamente pi√Ļ alto fino a quando la vegetazione non viene ripristinata, il che richiede anni dopo un incendio selvaggio. √ą urgente adottare misure per prevenire questi eventi per la protezione dell'ambiente ma anche per la protezione immediata delle nostre comunit√†. Inizialmente dobbiamo proteggere le foreste e accelerare il rimboschimento. Una soluzione immediata per ridurre al minimo l'erosione del suolo sarebbe quella di arricchirlo con sostanze nutritive. √ą importante anche garantire una sezione trasversale adeguata per i corsi d'acqua. L'implementazione di un sistema digitale di allerta precoce per gli incendi e le inondazioni improvvise potrebbe salvare vite umane e si attende da tempo. Inoltre, √® di estrema importanza sensibilizzare la popolazione sulla necessit√† di proteggere il nostro habitat naturale. In Attica, sia la temperatura che le precipitazioni hanno registrato un aumento significativo negli ultimi 20 anni. √ą fondamentale ridurre le emissioni di carbonio nell'industria e nei trasporti, affidandosi a fonti di energia rinnovabili anzich√© ai combustibili fossili. L'effetto del cambiamento climatico sul rischio di incendi e alluvioni √® anche rafforzato da fattori sociali (ad esempio, la crescita della popolazione nell'interfaccia foresta-urbano), che tendono ad aumentare la portata e la durata delle conseguenze ecologiche ed economiche negative. Infine, non bisogna sottovalutare gli effetti psicologici di questi eventi. Lo spostamento dalla propria casa, la perdita di propriet√† e di mezzi di sostentamento e l'interruzione degli affari sociali possono causare uno stress continuo, che pu√≤ essere schiacciante e produrre un impatto psicologico duraturo.


I progetti sono creati dai team e si assumono la piena responsabilità dei dati condivisi.
‚Üź Tutti i progetti