Progetti dei Detective del Clima 2018-2019

Argomento del progetto: Riscaldamento globale

Titolo del progetto: TORREPEROGIL ... GAS DELL'EFFETTO SERRA, RISCALDAMENTO LOCALE E CONSEGUENZE

Squadra: GIL DE Z√ĀTICO

2018-2019   IES :   Torreperogil   Spagna   20 Età dello studente: 14-15


Sintesi del progetto

Abbiamo calcolato le emissioni di gas serra nella nostra regione e fatto un confronto con le emissioni registrate nell'Unione Europea. Per calcolare le emissioni di protossido di azoto abbiamo considerato due fonti: i fertilizzanti e la gestione del letame. A partire dagli ettari delle tre principali colture della regione e considerando la resa di ciascuna di esse è stata calcolata la quantità di fertilizzanti necessari e di conseguenza i "Kg di azoto" emessi dall'attività agricola. Successivamente, considerando il numero di capi di bestiame e le emissioni per capo e specie animale, abbiamo ottenuto i "kg di azoto" dovuti al bestiame. Per il metano, abbiamo considerato che la sua principale fonte di emissione è il bestiame, sia per i processi digestivi che per la gestione delle deiezioni, procedendo come per l'"Azoto zootecnico". Per l'anidride carbonica, abbiamo considerato quella dovuta al consumo di elettricità e all'uso di veicoli. Per il consumo di elettricità abbiamo calcolato il consumo di ogni città della regione, ottenendo successivamente l'impronta di carbonio associata. Per quanto riguarda le automobili, è stato ricavato il numero di veicoli in ciascuna città e si stima che un'automobile emetta 2,9 tonnellate di CO2 all'anno. Abbiamo preso le temperature massime e minime della regione dal 2006, calcolato la media e con il 2006 come riferimento abbiamo calcolato la differenza rispetto a quest'anno, ottenendo una stima del "riscaldamento locale".Per l'andamento delle precipitazioni, i dati sono stati presi anch'essi dal 2006. Infine, abbiamo registrato l'evoluzione del numero di abitanti e del prezzo dell'olio d'oliva, che è il principale motore dell'economia della nostra regione.

Risultati principali

I dati dell'Istituto di Statistica e Cartografia dell'Andalusia mostrano che le tre principali colture della regione sono "el olivar de regadío, de secano y el trigo de secano" con 75212, 7697, 766 ettari rispettivamente, calcolando l'Azoto prodotto per l'uso di fertilizzanti, ottenendo un'emissione di 286,2262401 kg di detto gas pro capite. Dal rapporto OCA della Junta de Andalucía e dalle linee guida IPCC sulle emissioni di gas serra "bestiame" per specie, anno e capo di bestiame, si ottengono 5,790223412 kg pro capite di emissioni di Azoto e 7,764042045 kg pro capite di Metano. Dal censimento dei veicoli e considerando che un veicolo produce in media 2,9 tonnellate di CO2 all'anno, abbiamo ottenuto che nella regione vengono emesse 101891,5 tonnellate di CO2 all'anno dall'uso del veicolo privato. Dall'altro lato abbiamo ottenuto l'impronta di carbonio come risultato del consumo di energia elettrica, ottenendo 128128,41 tonnellate, anch'esse annuali; sommando entrambi e tenendo conto del numero di abitanti della regione, otteniamo 3003,459032 Kg pro capite di CO2. In percentuale, si tratta di 8,8% di azoto, 0,2% di metano e 90,9% di CO2 e circa 3 tonnellate di CO2 all'anno. Confrontando questi risultati con quelli dell'Unione Europea, in relazione all'Azoto 8% nell'UE, siamo quasi un punto sopra, nelle emissioni di CO2, 83% nell'UE, abbiamo superato gli 8 punti sopra, tuttavia il gas metano nella nostra regione è quasi 7 punti sotto, l'UE con 7,6%. Le emissioni di CO2, pari a circa 3 tonnellate all'anno, sono leggermente inferiori alla media mondiale, stimata in 3,99 tonnellate.

Azioni per ridurre il problema

Il problema principale √® rappresentato dalle emissioni di azoto da parte dell'attivit√† agricola e di CO2 dall'uso del trasporto privato e dal consumo di elettricit√†. Ci√≤ presuppone un "riscaldamento locale" e anni con precipitazioni inferiori a 400 millimetri con importanti perdite nei raccolti, abbassamento del prezzo del petrolio e spopolamento. Nel "riscaldamento locale", prendendo come punto di riferimento l'anno 2006, si osserva un andamento ciclico: due anni di "non riscaldamento" si alternano a uno di "riscaldamento" in cui la temperatura sale di un grado rispetto al 2006, come accade nel 2007 e nel 2011. Ci√≤ significa che nel 2006, 2007 e 2011 le precipitazioni sono state rispettivamente di 160,4, 405,2 e 265,7 mm, proprio gli anni di "riscaldamento", in coincidenza con il minimo storico del prezzo del petrolio nel 2011. Un'altra importante conseguenza √® lo spopolamento in tempi di cattivi raccolti, dal 2011, anno disastroso per l'economia della regione, la popolazione ha iniziato a diminuire, passando da 106.114 nel 2011 a 7.685 nel 2018, cio√® quasi 30%. La nostra regione, "La Loma", principale produttrice di olio d'oliva a livello mondiale, dipende dalle condizioni climatiche ottimali per la coltivazione dell'olivo; la soluzione al problema dovrebbe essere affrontata da due direzioni, da un lato ridurre l'uso di fertilizzanti azotati, il sistema circolare agricolo-zootecnico sarebbe una buona opzione o indagare con altre alternative meno inquinanti. Dall'altro lato, le emissioni di CO2 devono essere ridotte promuovendo maggiormente l'uso del trasporto pubblico, del car sharing... e sensibilizzando la popolazione sulla necessit√† di risparmiare energia nelle case, o anche adottando misure pi√Ļ drastiche, come il controllo del chilometraggio dei veicoli privati e la definizione di una sanzione quando si supera un "tetto", procedendo in modo analogo con il consumo di elettricit√† delle famiglie.

Link al progetto:

https://docs.google.com/spreadsheets/d/1WT84dNkt5aEZBo3ST9KMHcEKk8Wer3gNtWBEsbgRHaM/edit?usp=sharing


I progetti sono creati dai team e si assumono la piena responsabilità dei dati condivisi.
‚Üź Tutti i progetti